Secondo alcune indagini la maggior parte degli italiani amerebbe avere a disposizione un pic-nic box da portare nelle gite fuoriporta o in spiaggia. Un modo intelligente e sicuro per spendere tempo all'aria aperta in vista della bella stagione.

Tra le difficili sfide susseguitesi per i ristoratori dall'inizio della Pandemia, quall dell'impossibilità di pianificare il lavoro a lungo termine è sicuramente tra le più difficili. Le chiusure improvvise dettate dall'insorgenza di nuovi focolai hanno stravolto i ritmi di lavoro, condizionando pesantemente gli incassi. Fortunatamente, perlomeno la scorsa estate è stato possibile tornare a ritmi di semi-normalità, nonostante (stando ai numeri diffusi dalla FIPE) sia di fatto azzardato definirla in questi termini.

Certo, i momenti difficili non sono mancati e, purtroppo, non mancheranno anche nei prossimi mesi, ma fortunatamente neanche le buone idee. Ovviamente, quasi tutte incentrate sull'asporto.

Il take away, infatti, ha rappresentato la migliore, quando non proprio l'unica, formula per rispondere alla crisi, non a caso affermandosi a livelli inimmaginabili solo fino al 2019. Le proposte non si sono limitate al semplice “ordina e porta via”, ma hanno cercato strategie più originali e coinvolgenti per attirare il pubblico. Tra queste, quella del pic-nic take away è stata senza dubbio una delle più interessanti della bella stagione.

Pic-Nic Take Away: il cestino da asporto per rilanciare gli affari

L'esplosione di presenze sul territorio nazionale nell'estate 2020 è stata una logica quanto piacevole conseguenza alle limitazioni di spostamento imposte dalla Pandemia. Senza la possibilità di partire per destinazioni internazionali, 8 italiani su 10 sono tornati a visitare le località del Bel Paese, con particolare predilezione verso mete isolate, paesi in campagna e montagna e altri luoghi potenzialmente più “sicuri” in termini di assembramenti e presenze.

Il boom della riscoperta enogastronomica autentica, che ormai da diversi anni ha iniziato ad affermarsi nel settore ricettivo, ha rappresentato un'occasione in questo senso. Non a caso, chi ha scelto di non fermarsi lo ha fatto anche e soprattutto attraverso un “restyiling” in chiave local del menù.

Secondo una recente ricerca, sono state oltre 450 le food experience estive all'aria aperta promosse dai ristoratori italiani: un trend completamente nuovo per il 45% dei partecipanti intervistati e che oltre il 50% si è detto interessato a replicare.

Tra le formule a prendere maggiormente piede, quella del classico cestino da pic-nic in versione take-away: ovvero pronto da aprire e degustare, meglio se a base di prodotti a Km 0. Una proposta scelta da ben l'80% degli aderenti a food experience all'aria aperta, affermandosi come un vero e proprio trend all'interno del segmento.

La scommessa è ora implementare il servizio rendendolo ancora più coinvolgente, sostenibile e alla portata del pubblico, in vista della prossima estate quando, si spera, le misure restrittive della Pandemia torneranno ad allentarsi.

SCELGO E' AL TUO FIANCO
Scopri la nostra selezione professionale per l'Horeca

>> Visita l'e-store

_

Come comporre (e promuovere) un cesto pic-nic gourmet

Inutile dare consigli scontati su cosa inserire nel cestino. Chi meglio di te conosce il tuo pubblico, le loro preferenze, il tuo menù e i prodotti più interessanti da poter includere nel pacchetto?

Ma al di là di ogni aspetto legato a come comporre il cestino take-away, è obbligatorio iniziare facendo un passo indietro per stabilire con cura a chi è indirizzato.

C'è un aspetto che molti ristoratori sembrano ancora ignorare in questo senso, ossia che il cestino non rappresenta, solo, una proposta a corredo del viaggio ma, se ben strutturato, un incentivo per il viaggio stesso. Se un cestino gourmet è concepito per “raccontare il territorio”, attraverso i suoi sapori (attraverso vini, prodotti tipici e ricette tradizionali) la degustazione diviene un'ottima ragione per visitare collateralmente la località in cui dedicarsi all'assaggio.

Non dimentichiamo, d'altronde, che nel settore ricettivo il cibo riveste un ruolo di rilievo nelle esperienze ricercate dal pubblico. Visitare un luogo di interesse, con i suoi musei, siti archeologici, località balneari o montane, non è forse strettamente legato anche alla scoperta dei suoi prodotti e ricette tipiche? In questo senso, comunicare in modo efficace la possibilità di ordinare il cestino da consumare comodamente durante il viaggio costituisce anche da solo una ragione per attirare pubblico.

Come farlo nel modo giusto? Con internet, ovviamente.

Promuovi il tuo cestino con una strategia efficiace

Una corretta e ben strutturata campagna social, WhatsApp Business, di newslettering o altro canale costituiscono ottimi veicoli per:

·       comunicare la possibilità di acquistare il cestino;

·       raccogliere prenotazioni per evitare gli sprechi;

·       acquisire contatti da fidelizzare con promozioni future;

·       aprire sinergie con luoghi di interesse o altri imprenditori della zona;

·       incrementare la propria fan-base e database contatti.

Tutte ragioni piuttosto interessanti per una strategia, tutto sommato, semplice e coinvolgente per il pubblico.

Tre parole chiave per un cestino pic-nic perfetto

Al netto di ogni possibile opportunità per il confezionamento di un cestino da asporto perfetto, esistono alcune parole chiave che dovrebbero accomunarli tutti:

·       Booking ossia la possibilità di scoprirlo, prenotarlo e pagarlo online;

·       Sostenibilità Monouso sì, ma meglio se non di plastica. Le alternative usa e getta in materiali biodegradabili esistono e sono sempre più gradite al pubblico;

·       Autenticità Nessuno desiderebber ordinare un cestino da pic-nic per trovarci un semplice panino al prosciutto. Il cestino da asporto è un'esperienza enogastronomica: non dimenticarlo;

·       Servizi aggiuntivi Un omaggio, la richiesta di una recensione, l'invito a tornare con un coupon sconto, a restare aggiornati seguendo il locale su Instagram o iscrivendosi ad una newsletter: il cestino è anche un'occasione per comunicare con i tuoi clienti: cosa vorresti dire loro?

Trova altre idee su ScelGo e GoWe!

ScelGo è il nuovo cash&carry con servizi integrati per la ristorazione. Nel nostro volantino online puoi trovare ogni mese le migliori offerte di prodotti per la ristorazione e l'accoglienza, utili a rilanciare l'attività del tuo locale.

Dall'inizio di quest'anno, abbiamo lanciato GoWe: un'innovativa piattaforma che ti aiuta a gestire delivery e asporto, insieme a molti altri servizi. Scopri come accedere e aprire nuove opportunità al tuo business!